Ciao, Dedaliani!
Sono Giorgia e sono davvero contenta di risentirvi. Stavolta vorrei parlarvi di come sia strutturato il mondo dell’editoria oggi, o almeno tracciarne un veloce quadro generale.

Per parlarvene, vi propongo di fare insieme un viaggio all’interno del mondo dell’editoria: si parte da un autore e il suo manoscritto e si arriva in libreria.

Pianificare il viaggio: la Valutazione

  • Manoscritto: Un autore ha scritto un libro e adesso deve cercare la collocazione migliore per il suo libro, ovvero un editore che pubblica già libri simili e che si accordano alla sua linea editoriale.
  • Editing: Se l’autore non riesce ad arrivare alla CE, può sottoporre il testo a una valutazione editoriale per scoprirne i difetti, e affidarsi a un editor che lo aiuterà a eliminarli.
  • Agenzia di rappresentanza: L’autore può rivolgersi a un’agenzia di rappresentanza che lo tutelerà nel contratto con l’editore. Eppure, di solito le agenzie non lavorano con gli esordienti, quindi l’ideale è scrivere direttamente all’editor della CE a cui si vuole arrivare.
  • Scouting: Un editor riceverà il vostro testo e lo leggerà. Se a fine lettura ne sarà entusiasta, redigerà una scheda di lettura e la porterà al direttore della collana con cui collabora.

Mettersi in viaggio: la Decisione

  • Direttore editoriale: Il direttore editoriale leggerà la scheda redatta dall’editor. Se lo riterrà interessante, leggerà il libro e ne parlerà con gli altri membri della casa editrice.
  • Riunione: Alla riunione partecipano tutti gli editor della CE. Il direttore editoriale proporrà il testo e se tutti lo riterranno valido, l’editore dovrà decidere se pubblicarlo.
  • Commerciale: L’ufficio commerciale penserà ai possibili costi del libro, considerando il numero delle pagine, il formato scelto, il lavoro grafico, il lavoro sul testo e le possibili vendite in base al target del libro.

«Quante copie è plausibile che verranno vendute? Ne rientreremo delle spese?»

  • Editore: Se il testo è una buona aggiunta per il suo catalogo, richiede delle spese accettabili e presuppone buone opportunità di vendita, l’editore accetterà di investire su quel libro.
fare i calcoli sui costi e i guadagni
L’editore deve amare i libri e il suo mestiere, altrimenti sceglierebbe un lavoro più remunerativo. Tuttavia, deve pensare anche ai profitti.

Un lungo viaggio: il Lavoro Redazionale

  • Ufficio diritti: Si redigerà il contratto di cessione dei diritti e verrà inviato all’autore o all’agenzia che lo rappresenta. Sarà possibile discutere di alcune clausole e poi si procederà alla firma.

Attenzione ai contratti capestro: in nessun caso dovete essere voi a pagare per essere pubblicati!

  • Copertinista: L’editor darà al grafico delle indicazioni per realizzare la copertina. Verranno create alcune proposte e la migliore sarà mandata in visione all’autore per ottenerne l’approvazione.
  • Grafico: Si procederà quindi a impaginare il testo seguendo gli standard grafici della collana e facendo ben attenzione che non vi siano né vedoveorfane (righe isolate a inizio o fine pagina).
  • Correzione delle bozze: Verranno stampate le bozze del testo e un redattore procederà a leggerlo sillaba per sillaba, per controllare che non vi siano refusi o problemi di altro genere.

La fine del viaggio: la Vendita

  • Visto si stampi: L’autore potrà visionare il testo e accettare o meno le revisioni fatte. Per far ciò ha a disposizione circa una settimana. Se autore e revisore sono d’accordo, si può dare il visto si stampi.
  • Tipografia: Dopo l’approvazione della bozza, il tipografo procederà alla stampa, alla piegatura e alla rilegatura del libro, unendolo alla sua copertina.
  • Magazzino: Conserva tutti i libri di un editore. Se non ci sono abbastanza giacenze per soddisfare le prenotazioni dei librai si andrà in rottura di stock e si dovrà ristampare il titolo.
  • Promotore: Parleranno ai librai, consegnando loro un copertinario contenente i titoli in uscita nei mesi seguenti, così che questi possano prenotare i titoli che pensano di poter vendere.
  • Distributore: Farà sì che il libro arrivi nelle librerie. Gestisce gli ordini, i pagamenti e le rese che ritorneranno nei magazzini se invendute.
la libreria dei sogni nel mondo editoriale
La libreria è il sogno di ogni aspirante scrittore. Arrivarci è un grande passo, ma non l’ultimo: bisogna che il libro venga acquistato.

Parlare del viaggio: il Passaparola

  • Libreria: Il libraio saprà a quale cliente proporre il vostro libro e sceglierà lo scaffale più adatto in cui collocarlo. Se sarete fortunati la copertina sarà ben visibile ad altezza occhi e attirerà la curiosità degli avventori.
  • Ufficio stampa: Troverà dei giornalisti interessati a parlare di quel determinato libro, li contatterà e proverà a convincerli della bontà del progetto editoriale.
  • Promozione social: Le case editrici oggi devono avere una loro voce e farsi conoscere dai propri lettori. I social sono il posto in cui l’editore potrà parlare del vostro libro in prima persona: varrà la pena di ascoltarlo.
  • Presentazioni: L’autore dovrà aiutare nella promozione parlando lui stesso a dei possibili lettori, in quanto è la persona che conosce meglio il proprio libro.
  • Lettore: In libreria, in fiera, in biblioteca, o davanti al proprio computer vedrà il vostro libro e potrebbe innamorarsene. Se così fosse, avrete raggiunto il vostro scopo e il viaggio non sarà stato vano. Complimenti!
un lettore che condivide le sue letture preferite
Il passaparola è molto importante per far conoscere un buon libro: se hai amato una lettura, condividila con chi sai potrebbe apprezzarla.

Questa mappa può servirvi a comprendere meglio cosa ci sia dietro la pubblicazione di un libro, dato che a essere visibile è solo la punta dell’iceberg: i primi e gli ultimi punti del viaggio.

In realtà un editore è prima di tutto un imprenditore che deve fare un grosso investimento sulla vostra Opera, per questo ci sono così tanti rifiuti: anche voi dovete offrire qualcosa di valido per convincerlo. Lo scambio deve essere equo, anche se a metterci i soldi sarà (soltanto!) lui.

Vedendo tutti questi passaggi è anche più facile comprendere come mai oggi sia sempre più necessario curare il più possibile il testo prima di inviarlo alle case editrici. Infatti, più il testo è curato, più probabilità avrà di convincere tutti gli editor che lo dovranno valutare, e più è pulito, meno costerà all’editore in termini di tempo e denaro.

Se hai apprezzato quest’articolo sul mondo dell’editoria, condividilo pure sui tuoi social con l’hashtag #ioleggotutto.
Vuoi saperne di più sull’editoria e la scrittura? Allora assicurati di essere iscritto alla nostra Newsletter, che riceverai ogni due settimane, di venerdì alle 17:00.

Ti aspettiamo all’altro capo del Filo, dedaliano!

Categoria
Tags

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *