Ben ritrovato, dedaliano! Sono Beatrice e oggi ti spiegherò quali sono i passaggi che un designer compie per creare la copertina di un libro.

Il progetto grafico

La copertina è il mezzo più efficace che un libro ha per essere comunicato al pubblico, sia sul piano del contenuto che sul piano del genere. Quindi, una copertina ben progettata e realizzata riesce ad attirare il lettore giusto e lo predispone all’acquisto.
Perché si inneschi questo processo comunicativo, è necessario strutturare un progetto grafico di copertina. Grazie al progetto grafico, tutti gli elementi di composizione della copertina riescono a rappresentare la totalità del libro, di cui si fanno portavoce.

Il progetto grafico prevede l’ideazione di un layout, la scelta dei font di riferimento e la scelta del grado di iconicità migliore per esprimere la vera essenza della pubblicazione.
Per fare tutto ciò, è consigliabile che il designer legga il testo nella sua interezza.

come creare una copertina: tablet

Perché la lettura integrale è importante

Il designer si occupa di impostare il progetto grafico di copertina e di realizzarla in via definitiva. Nell’ambito delle case editrici, questo compito è demandato ai designer del reparto della direzione artistica, spesso con il supporto dell’editor che si occupa del testo in oggetto. L’editor sa fornire analisi, schede e riassunti specifici del testo, dai quali è possibile estrarre le informazioni per produrre un corretto progetto grafico di copertina. In ambito privato, invece, è compito del designer leggere il testo per intero, così da ricavare da sé l’analisi volta a una sintesi grafica e traduzione in immagine del libro.

Se non si sa cosa cercare, all’interno del testo, non è possibile elaborare un progetto grafico corretto. Senza, la copertina non risulterà efficace, né rappresentativa del libro che racchiude… quindi non attirerà i lettori!
L’autore, in questa fase, può essere poco di aiuto, a causa della sua visione non imparziale e distaccata del proprio lavoro. Di solito non rappresenta la figura adatta a discernere le corrette informazioni, così come non sarebbe in grado di eseguire un editing del proprio testo da sé.

Che cosa cerca il designer nel testo

Quali sono, quindi, le informazioni che il designer deve cercare all’interno del testo, così da creare una copertina?
A grandi linee il designer, con la sua analisi, cerca di mettere in evidenza il genere del testo e il target destinatario; individua gli elementi visivi che più ricorrono o più hanno importanza nella narrazione e, da tutto ciò, estrae il livello iconico più rappresentativo. Tutto questo in preparazione alla creazione del layout, alla scelta delle immagini – o dei segni grafici – e dei font.
Prima della realizzazione effettiva, quindi, c’è tutta la parte di progettazione, senza la quale è difficile riuscire a creare una copertina efficace.

libreria piena di libri

Genere e target, come influiscono

Come ho detto poco fa, la copertina serve a comunicare il libro per quello che è, e quindi ad attirare i lettori e predisporli all’acquisto.
Genere e target servono a restringere le infinite possibilità di interpretazione grafica del testo. In questo modo, il lettore può capire da subito se quel libro potrebbe interessarlo o meno.
Non a caso, ci sono libri che si differenziano nella copertina rispetto al pubblico di destinazione anche nelle diverse edizioni. Per esempio, puoi trovare a scaffale “I tre moschettieri” che ha in copertina un dipinto d’epoca, ma anche “I tre moschettieri” che ha in copertina un’illustrazione rappresentativa del romanzo.

La prima versione sarà destinata a un pubblico adulto, che può apprezzare il lato storico del volume; la seconda è destinata a un pubblico giovane, che è più incline ad acquistare libri con copertine illustrate, in quanto rispecchiano un ambito più ludico e immaginativo.
Insomma, l’interpretazione corretta del genere e del target è indispensabile per una corretta creazione della copertina.

Gli elementi visivi più importanti

Assieme al genere e al target, è importante anche che la copertina sia rappresentativa del testo nella sua interezza. È molto raro che si interpreti graficamente una scena specifica del libro, poiché è difficile che una sola scena possa rappresentare un intero testo. Di solito si cercano, all’interno della narrazione, degli elementi visivi che possano essere combinati per restituire in copertina ciò che davvero rappresenta il testo nella sua interezza. Questi elementi sono associati a simbologie particolari, colori ricorrenti, o ancora tematiche specifiche.

Una volta determinati gli elementi visivi (e avendo sempre ben presente genere e target), si passa a scegliere il livello iconico di rappresentazione, assieme alle immagini o grafiche di riferimento.

come creare una copertina: simboli e icone

Che cos’è il livello iconico

I livelli iconici, in comunicazione visiva, sono dei gruppi di immagini, colori e disposizioni degli elementi che, sia da soli che combinati, portano a significati precisi, che a loro volta vengono recepiti dal pubblico in maniera condivisa. Saper individuare il livello iconico migliore equivale spesso a una buona riuscita del titolo nel mercato. Questo perché il pubblico è in grado di recepire i livelli iconici e di collegarli a significati precisi e condivisi, anche se non sa di che cosa si tratta.

Ti faccio un esempio, così da capire meglio: se io decido di utilizzare, per una copertina, i colori “giallo” e “nero” e la fotografia di una pistola, sto chiaramente dicendo al lettore «ehi, guarda! Questo qui è un libro poliziesco». In pratica, l’insieme dei colori e la fotografia della pistola generano in automatico un collegamento nella mente del pubblico, perché il pubblico è abituato a questa associazione.

Allo stesso modo, se ho deciso di utilizzare la fotografia di una pistola, vorrà dire che mi sto rivolgendo a un pubblico adulto e che il libro narra di vicende realistiche, ambientate in un presente e in un luogo reale. Questo perché l’elemento fotografico, da solo, ha una serie di significati impliciti che il pubblico interpreta senza che se ne renda conto.

libri polizieschi

La messa in pagina

Terminato tutto questo passaggio di analisi e sintesi, si passa alla progettazione effettiva del layout (o dei layout) e alla scelta dei font.
Sia la disposizione degli elementi in pagina sia la scelta del font derivano da tutti i passaggi precedenti. Per il font, è bene utilizzare uno di quelli dell’impaginazione, così da avere un coordinamento tra l’esterno e l’interno del libro.
Questa parte di progettazione è più breve e presuppone conoscenze tecniche dei software specifici.

La copertina definitiva

Arrivati a questo punto, circa l’80% del lavoro è stato eseguito. Dopo l’approvazione delle bozze, infatti, non resta che realizzare la copertina.
Questa parte esecutiva richiede di solito poco tempo se tutto il lavoro di progetto precedente è stato portato avanti nel migliore dei modi.

E dopo l’esecuzione… finito! La copertina è finalmente pronta!
Come avrai capito, per creare una copertina la parte più impegnativa è quella progettuale, che sta a monte della realizzazione effettiva. E se manca il progetto grafico, è più facile che il libro abbia poco successo o che faccia fatica a ingranare.
Spero che questo articolo ti abbia chiarito un po’ di dubbi su come creare una copertina.

Ti aspettiamo dall’altra parte del filo, dedaliano!

Categoria
Tags

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Archivi